RUNCARD

Running e tecnologia: il futuro nelle App e nel gaming



Tra benessere e tecnologia. Il mondo della corsa sta crescendo tra questi due ambiti prioritari. È quanto emerso dalla seconda edizione di Runeconomy, il convegno sul running ideato e organizzato dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera. Se da una parte le nuove frontiere della corsa conquistano sempre più spazi urbani, come parchi, strade e piazze, dall’altro il movimento sta trovando un importante alleato nell’innovazione tecnologica, con un sempre maggiore numero di App dedicate e sistemi di condivisione tra sport e gaming.
I numeri
Secondo lo studio realizzato dall’Istituto Piepoli dal titolo “Il futuro del running tra tecnologia, gaming e sportcity”, nell’identikit degli italiani della città “a misura d’uomo” lo sport e il benessere risultano essere più importanti di una rete di trasporti pubblici efficienti (64% versus 62%) con lo sport che assume un’importanza fondamentale per il 90% degli intervistati. Il 92%, invece, desidera corsi all’aria aperta e piste ciclabili. Per 9 italiani su 10 fare sport all’aria aperta rende più felici.

In questa attività il wellness supera il fitness: gli italiani infatti corrono per stare bene (41%) più che per dimagrire (27%), mentre il 22% dei runner occasionali, se avesse più tempo, parteciperebbe a gare competitive (il 12% lo fa già). Non solo: il 44% dei runner vede nella corsa un ponte per praticare altri sport.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SUL SITO DEL SOLE 24 ORE