RUNCARD

Movimento e regolazione ipotalamica come fattori di dimagrimento



Tra gli importanti segnali che inducono l’ipotalamo ad orientare i maggiori assi metabolici dell’organismo verso il consumo, uno dei più importanti è quello derivante dal movimento fisico quotidiano. Non importa se intenso o meno o se più o meno prolungato. Il movimento, oltre a tenere controllata la glicemia prevenendo picchi insulinici, regola la pressione, il quadro lipidico, l’umore e infine determina secrezione di irisina (a livello di tessuto muscolare) e di adiponectina a livello di tessuto adiposo: la prima un potente attivatore tiroideo, la seconda una potente molecola segnale dimagrante che lavora in sinergia con la leptina.

L’attività fisica, regolare e quotidiana, è dunque un potente segnale per indurre tono e dimagrimento. L’errore più comune è pensare che fare sport significhi solo consumare calorie. Fare movimento significa invece dire al proprio organismo che si sta bene, che ci si procurerà del cibo, che si cercheranno nuovi partner. E l’ipotalamo, stimolato dall’adiponectina prodotta dal tessuto adiposo, e dall’irisina prodotta dal muscolo, farà seguire a questa consapevolezza una serie di risposte attivanti a livello di massa muscolare (che crescerà in quantità e nella sua capacità di consumo), a livello surrenale (steroidi anabolizzanti e sessuali) e a livello ovarico/testicolare (estrogeni e testosterone) con un forte stimolo di attivazione metabolica, di potenziamento muscolare e di dimagrimento.

La sedentarietà non è neutra: spinge nella direzione esattamente opposta, verso un drammatico rallentamento metabolico. Ecco perché un regime alimentare sano non può prescindere almeno da una minima attività fisica quotidiana che, sebbene sia un pallido ricordo del movimento che  ci ha accompagnato nel corso dell’evoluzione, è indispensabile all’attivazione di un corretto segnale ipotalamico di dimagrimento.  Senza movimento si potrà solo deperire, seguendo una dieta di restrizione. Dimagrire in modo stabile, mai.

 

Dott. Luca Speciani