RUNCARD

L’UOVO



Al contrario di quello che qualcuno dice, l’uovo di gallina non è un alimento completo. Esso, infatti, non apporta carboidrati ed è carente, per esempio, di calcio e di vitamina C. Quanto alle altre vitamine, le ha praticamente tutte, ma molte in quantità molto modeste. La vitamina A e la provitamina A sono tanto più abbondanti quanto più intenso è il colore del tuorlo; se è arancione, vuol dire che la gallina ha mangiato mais o altri cibi che ne erano ricchi.

I DIFETTI DELL’UOVO. – Si dice di solito che l’uovo è dannoso per l’organismo perché apporta molto colesterolo. In effetti, il tuorlo ne contiene circa un quarto di grammo; va però detto che i livelli di colesterolo nel sangue dipendono soltanto in piccola parte da quello che è assunto con i cibi, essendo quasi tutto prodotto dall’organismo. La lecitina presente anch’essa nel tuorlo, inoltre, tende a innalzare, secondo alcune ricerche, i valori nel sangue delle HDL, ossia del colesterolo buono.

Semmai a essere nocivo per l’organismo è l’acido arachidonico del tuorlo; questa sostanza tende ad aumentare lo stato infiammatorio dell’organismo. E’ questo il vero motivo per il quale non si dovrebbero mai prendere più di due – tre uova la settimana. Non dovrebbe mangiarle chi soffre di calcoli alla cistifellea per non rischiare una colica epatica. Non è vero, invece, che le uova nuociamo al fegato.

I PREGI DELL’UOVO. – L’uovo, ad ogni modo, ha anche alcuni pregi. Soprattutto li ha l’albume che è ricco delle proteine che, fra quelle naturali, hanno il valore biologico massimo. Anche i culturisti, i giocatori di rugby e i lanciatori dell’atletica che un tempo erano divoratori di un numero esagerato di uova intere, hanno imparato a consumare il solo albume. Ciascuno di essi fornisce circa 5 grammi di proteine che hanno tutti gli aminoacidi essenziali nella percentuale quasi esatta di quella che serve al nostro corpo.

Si tenga presente che i fosfolipidi del tuorlo sono invece molto utili per i bambini, per “costruire” il cervello.

L’uovo è più digeribile se viene consumato bollito per pochi minuti (“alla coque”), In frittata, fritte o strapazzate spesso le uova contengono grassi di cotture che, se sono saturi e se sono abbondanti, possono indurre l’organismo a produrre molto colesterolo.

 

Prof. Enrico Arcelli