RUNCARD

I GRASSI SALUTARI E QUELLI DANNOSI



I principali grassi alimentari sono quelli che usiamo come condimento, quali gli oli (come quelli di oliva e quelli di semi), il burro, la margarina e lo strutto.  Ma negli alimenti che consumiamo abitualmente sono presenti vari altri grassi, in qualche caso ben visibili (si pensi, per esempio, alla parte bianca del prosciutto o dello speck o ai pallini bianchi del salame) e in altri caso non lo sono, essendo combinati con gli altri nutrienti, per esempio nei prodotti da forno o nei secondi piatti.

I GRASSI SALUTARI. – I grassi degli alimenti contengono sempre molte calorie e, quindi, devono essere consumati in quantità limitate da chi deve dimagrire. Ma, al contrario di quello che si è detto per anni, non è vero che tutti i grassi facciano male alla salute. Alcuni fanno senz’altro bene. Uno di questi è l’olio extra vergine d’oliva. Esso possiede molte virtù assai importanti, a partire dal fatto che, oltre a varie vitamine, contiene sostanze utilissime per il benessere, quali l’idrossitirosolo (efficacissimo contro i radicali liberi) e l’oleocantale (dotato di capacità antinfiammatorie).

Anche l’olio di pesce, con il suo contenuto in acidi grassi omega-3 a catena lunga, è un grasso molto utile per la salute.

I GRASSI NOCIVI ALLA SALUTE. – Vari oli di semi, invece, sono ricchissimi di acidi grassi omega-6 che oggi tendiamo ad assumere in una quantità esagerata. Tale eccessivo uso ha determinato uno squilibrio del rapporto fra omega-6 e omega-3, anche perché negli ultimi decenni di questi ultimi si tende a consumarne quantità troppo basse.

Gli altri grassi che fanno male sono principalmente questi:

 

 

Enrico Arcelli