RUNCARD

Faq

1. Se sottoscrivo la Runcard divento un tesserato FIDAL?
Sì, in base al nuovo Statuto Federale, con Runcard si rientra nella categoria “Amatoriale”.

2. Resta comunque ancora in vigore il tesseramento giornaliero?
No, il tesseramento giornaliero va in archivio e la Runcard ne rappresenterà un’evoluzione con tanti servizi in più. Si tratta di una conveniente opportunità per chi ama gareggiare più volte nel corso della stagione e che, grazie alla sottoscrizione annuale di Runcard, non dovrà più versare ad ogni appuntamento la quota un tempo destinata al tesseramento giornaliero.

3. Mi piace correre, ma per il momento non m’interessa tesserarmi per una società; con Runcard a quali gare posso partecipare?
Con Runcard è possibile partecipare alle manifestazioni agonistiche non-stadia: strada, corsa campestre, montagna e trail, organizzate sotto l’egida della Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL). In ogni caso – come previsto dalla vigente normativa in materia – è obbligatoria la presentazione (sia da parte degli italiani che degli stranieri residenti e non residenti) di un certificato medico d’idoneità agonistica specifico per l’atletica leggera in corso di validità in Italia, che dovrà essere esibito agli organizzatori in originale.

4. Con Runcard posso partecipare alle grandi maratone italiane?
Sì, è possibile, ma sempre in abbinamento al certificato medico d’idoneità agonistica specifico per l’atletica leggera.

5. Se vengo dall’estero e voglio gareggiare in Italia, devo fare per forza la Runcard?
Sì, il costo della Runcard in questo caso è di soli 15 euro, ma per gareggiare è sempre necessario il certificato medico d’idoneità agonistica specifico per l’atletica leggera in corso di validità in Italia.
I residenti all’estero pagano solo 15 euro in quanto non usufruiscono dei buoni sconto, che sono riservati ai residenti in Italia.

6. Con Runcard sono già comprese l’assicurazione e la visita medica obbligatoria per l’attività sportiva agonistica?
Con Runcard è già compresa la copertura UnipolSai Assicurazioni, mentre per la visita medica si può beneficiare di particolari condizioni offerte dalla convenzione con la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI).Grazie a Runcard si riceve in automatico anche la richiesta da presentare per il rilascio del certificato medico.

7. Se ho Runcard posso prendere parte anche a gare (strada, cross e montagna) di campionato italiano?
No, ai Campionati Federali Nazionali, Regionali e Provinciali possono prendere parte solo atleti tesserati con società affiliate alla FIDAL. Attenzione, però: qualora una manifestazione sia abbinata ad un Campionato Federale, i possessori di Runcard, pur non potendo prendere parte al Campionato, possono comunque partecipare alla manifestazione stessa.

8. Quali sono i vantaggi (sconti, convenzioni) di cui posso usufruire con Runcard?
I vantaggi sono molteplici e sono consultabili sulla pagina “I vantaggi” del sito. I residenti all’estero non usufruiscono dei buoni sconto, che sono riservati ai residenti in Italia.

9. Leggo che con Runcard posso contribuire anche a importanti progetti sociali e che si può partecipare anche anche a stages esclusivi con gli azzurri dell’atletica. Che vuol dire?
I proventi della sottoscrizione Runcard serviranno per sostenere anche tre progetti di grande valore sociale come “Operazione Fame” di Actionaid e “Sport, Legalità e Memoria” di Libera, oltre ad una quota di ben 10 euro che sarà destinata allo sport scolastico nel territorio e all’organizzazione dei Giochi Sportivi Studenteschi. Sono previsti anche stage esclusivi con tecnici federali e gli azzurri dell’atletica nel Centro di Preparazione Olimpica di Formia e presso il Centro élite per l’allenamento in altura del Sestriere, accessi dedicati a grandi eventi come il Golden Gala.

10. Runcard è rinnovabile o, come ho sentito dire, per partecipare a manifestazioni agonistiche dopo un anno devo necessariamente tesserarmi a una società affiliata alla Fidal?
E’ vero, Runcard dura un anno, ma è tranquillamente rinnovabile se si ha intenzione di restare nella categoria di tesseramento “Amatoriale”.

11. Certificati medici
Ai sensi della normativa in vigore potranno essere ritenuti validi solo i certificati medici rilasciati per l’idoneità agonistica all’atletica leggera della propria ASL di riferimento o da un centro di medicina dello sport autorizzato (Circolare Min. Sanità 18/03/1996, n. 500).

Si specifica quindi che, verranno ritenuti validi  i certificati medici di idoneità alla pratica rilasciati per l’attività sportiva AGONISTICA, secondo l’ART.5 DM 18/02/1982 mentre i certificati medici di idoneità alla pratica sportiva di particolare ed elevato impegno cardiovascolare, rilasciati secondo l’ART. 4 D.M. 24/04/2013 (noto anche come Decreto Balduzzi)normano la sola attività NON COMPETITIVA al di sotto dei 20 KM. E pertanto non verranno in alcun modo accettati.

Pertanto non potranno essere ritenuti validi i certificati medici rilasciati non solo per altre discipline sportive (triathlon, ciclismo, calcio, ecc.) ma anche podismo, corsa, maratona, running e altre diciture analoghe e che non rispettino le indicazioni di cui sopra.

Gli atleti italiani anche se residenti all’estero potranno fornire un certificato medico italiano rilasciato secondo le specifiche sopra riportate oppure scegliere di effettuare il certificato all’estero rispettando la richiesta di esami da sostenere secondo la normativa italiana. Il modulo può scaricarlo qui: English version, version française

Per quanto riguarda i residenti in Veneto, i certificati dovranno essere vidimati dall’ASL di competenza, come previsto dalle disposizioni sanitarie regionali (D.G.R: n.3521 del 28/07/1994 e Circolare n.28 del 12/09/1994)”.

Per saperne di più ed eventualmente aderire, basta collegarsi al sito www.runcard.com

Scarica e consulta le norme Runcard facendo click qui