RUNCARD

Alla 45esima edizione della RomaOstia Straneo e Meucci



Di corsa dall’Eur al mare, 45 edizioni di Huawei RomaOstia Half Marathon. È stata presentata stamattina in Campidoglio, a Roma, la mezza maratona in programma il 10 marzo, unica gara italiana IAAF Gold Label. I primi protagonisti annunciati dal patron e “anima” della manifestazione Luciano Duchi sono la vicecampionessa del mondo di Mosca 2013 Valeria Straneo (Laguna Running) tornata a correre una maratona il 2 dicembre scorso a Valencia dopo oltre due anni di assenza dalla 42 km, il campione europeo di maratona di Zurigo 2014 Daniele Meucci (Esercito) che qualche settimana dopo la RomaOstia sarà anche al via della Maratona Internazionale di Roma del 7 aprile, il vicecampione del mondo della 42 km di Londra 2017 Tamirat Tola(Etiopia) e al femminile l’oro europeo dei 10.000 di Berlino 2018 e leader europea di maratona della scorsa stagione Lonah Chemtai Salpeter (Israele). Tra gli azzurri, annunciato anche il campione europeo a squadre di Berlino 2018 Stefano La Rosa (Carabinieri). 

È confermato il percorso classico: start e primi 3,6 km nel quartiere romano dell’Eur, poi si sfilerà lungo la via Cristoforo Colombo fino al mare con arrivo sul litorale. “Alla RomaOstia si vola – le parole di Luciano Duchi – e per questo nella nostra gara si viene per correre forte. L’albo d’oro comprende primatisti del mondo di maratona come Steve Jones nel 1985 e vincitori di 42 km ai Giochi come Stefano Baldini che nel 1997 realizzò anche il record italiano. Abbiamo già un cast importante e altri nomi li annunceremo nelle prossime settimane.

 Il presidente della FIDAL Alfio Giomi si è congratulato con Duchi per il traguardo dei 45 anni di RomaOstia: “È una straordinaria creatura. In una disciplina così universale come la corsa, alla portata di tutti e senza limiti di età, il ruolo della RomaOstia in Italia è stato fondamentale. Un esempio unico. È nata da un’idea visionaria di Luciano e dalla sua passione vera. Ma dopo la grande intuizione, il suo merito è l’aver creato una struttura professionale. Sarebbe rimasto soltanto un bel sogno se non fosse stato in grado di costruire professionalità intorno alla passione. Luciano ha dimostrato che si può fare”.

(Dal comunicato stampa degli organizzatori)